Una goccia nel mare

poesia di Paolo Palcani 

Dedicata ad un anziano pescatore di Civitavecchia, conosciuto da bambino e rivisto pochi mesi fa…

  

Il volto solcato dal sole e dal tempo

lo sguardo fisso, che scruta lontano

tra le onde grandi e imbiancate dal vento

mentre gli schizzi lo accarezzano piano.

    

Il mare… questo è stato il suo unico mondo

sempre in barca da solo, come un vagabondo

la sua sola esperienza di vita

e una lenza ben stretta, intorno alle dita.

  

Passavano i giorni, sereni od inquieti

le ceste colme di fili e di reti

che gettava nel mare sino a notte inoltrata

con la speranza di una grande pescata.

    

Ora è lì, appoggiato a uno scoglio

uomo di mare, pieno di orgoglio

tra le mani non stringe più  fili,

ma solo un bastone… tra quelli più vili.

    

La pelle ispessita, le gambe tremanti

gli anni che porta ormai sono tanti

mentre pensa al passato, quando ancora bambino

rientrava nel porto con suo padre al mattino.

    

La tristezza nel cuore… la malinconia

le spalle ormai curve lo accompagnano via.

Gli occhi bagnati, una goccia sul viso

che cade in quel mare a cui ha sempre sorriso.

  

 


CONSIGLIA QUESTA PAGINA:



© 2017 A.S.D. Obiettivo Pesca - Via Piero Foscari, 99 - 00139 - ROMA (RM) - Tel. 335/7510593
Applicazione realizzata e gestita da www.lapoweb.it